Loc Caraddu Tempio Pausania SS
+39 380 4345808
sattaannalisa@gmail.com

Maggio e Santa Lucia

Maggio e Santa Lucia

 

 

Nelle campagne galluresi spesso compaiono chiesette rurali nascoste,lontane da mete turistiche ma per le quali sono giustificabili “deviazioni” fuori dai soliti itinerari interni e cittadini.

A nord est dell’abitato di Tempio Pausania, sorge la piccola chiesa dedicata a Santa Lucia, immersa in una fitta sughereta, e decisamente suggestiva. Costruita in granito a vista, senza campanile,la facciata è sormontata da una finestra e una semplice croce in pietra. All’interno la copertura è in legno, il pavimento in cotto, e doppio ingresso su due facciate. Dietro l’altare in pietra, la parete è decorata da un curioso drappeggio dipinto, e la statua lignea della santa è racchiusa in una nicchia inserita nell’altare in muratura.

La chiesa cattolica e ortodossa festeggia Santa Lucia, martire del IV secolo, nella giornata del 13 Dicembre, e molti sono i devoti che raggiungono in pellegrinaggio a piedi la chiesetta della protettrice degli occhi e della vista. Alla festa religiosa segue quella popolare che prevede di rito il pranzo comunitario organizzato dai “capi suprastanti” detentori della bandiera della santa, che ciclicamente passa da una famiglia all’altra. Tra gli alberi spettatori da sempre, a maggio in un clima sicuramente più mite che a dicembre, vengono allestite tavolate e panche per ospitare chiunque voglia partecipare al pranzo e alla festa. Solitamente la tradizione prevede la celebrazione dei vespri al sabato, con un piccolo rinfresco comunitario, e alla domenica la vera festa con il comitato che prepara il classico pranzo, la santa messa e il rituale percorso di tre giri di processione attorno alla chiesa da parte di chi custodisce la bandiera fino allo scambio con il successore che a sua volta la custodirà per un anno intero. Il tutto molto sentito a conferma di un voler custodire antiche tradizioni, e valori rimasti collettivamente importanti.